Template di brochure: ecco un po di consigli per non sbagliare

Esistono diversi strumenti di marketing per poter promuovere un business, tanto locale quando online. Tra questi strumenti troviamo proprio la brochure. In questo articolo voglio offrirti alcuni consigli per crearne una di successo, capace di attirare l’attenzione di un cliente potenziale e portarlo così ad acquistare da te invece che da un concorrente.

Prima di tutto non devi necessariamente cercare uno stile originale e unico. Questo perché rischieresti di cadere nel “troppo”, inserire elementi il cui unico risultato è quello di distogliere l’attenzione sulle cose davvero importanti. Per esempio io ti consiglio di guardare questi template di brochure davvero ben fatti e soprattutto pensati per poter offrire qualcosa di bello ma allo stesso tempo efficace.

Lo scopo di una brochure infatti è quello di comunicare in modo chiaro un messaggio. Trasmettere le informazioni più importanti al cliente, senza distrarlo con disegni e informazioni che non sono necessarie.

5 consigli per realizzare una brochure che funziona

  1. Capire bene quali sono i tuoi obiettivi. Una volta che infatti questi sono chiari, è possibile rivolgersi nel modo giusto al cliente.
  2. Devi essere completo nello spiegare le cose. Devi cercare sin da subito di offrire le spiegazioni necessarie al cliente, in modo che possa capire a colpo d’occhio se ciò che offri può essergli di aiuto.
  3. Occorre immedesimarsi in ciò che il potenziale cliente desidera, come vede le cose, quali sono i suoi gusti e le cose che si aspetta di sapere.
  4. Devi rispondere alle domande del cliente, senza però specificarle.
  5. E’ importante si dire quali sono le caratteristiche tecniche di un prodotto, ma senza comunque sia scendere in discorsi tecnici, almeno che il cliente ideale non è un esperto dello stesso settore. Devi centrare l’attenzione su quali sono i vantaggi che puoi offrire.
  6. La grafica è importante per una brochure, questo perché è lei la prima che attira l’attenzione, quello che porta il cliente a prenderla in mano e dargli una possibilità. Deve essere nella visione dell’insieme che attira, senza comunque esagerare per non cadere nel problema potenziale di distogliere l’attenzione su ciò che è importante, le informazioni.
  7. La grafica deve essere coerente al contenuto. Cosa significa? Che per esempio devi utilizzare delle immagini che richiamano al prodotto, no qualcosa di totalmente differente e fuori contesto. Altrimenti il rischio è di disorientare il lettore.
  8. Prediligi sempre un linguaggio semplice. Il potenziale cliente, leggendo la brochure, deve poter capire immediatamente di cosa stai parlando, se ciò che gli proponi gli interessa. Se usi un linguaggio tecnico o troppo difficile, escludi una buona fetta di persone appartenenti al tuo target.
  9. Qualità delle immagini. Non compromettere tutto quanto il tuo lavoro, magari ben fatto, con un’immagine poco curata. Devi prima di tutto investire sull’alta risoluzione.
  10. Rivolgiti sempre a un sistema di stampa professionale. Altrimenti rischi di vanificare tutto il tuo lavoro. Il processo finale di stampa è importante perché è proprio qui che viene scelta per esempio la qualità della carta e dell’inchiostro. Inoltre potrai approfittare delle eventuali promozioni.