Quando si parla di condizionatori d’aria, è evidente che le operazioni di manutenzione periodica, riservano una grande importanza. Tra le lavorazioni necessarie per un check-up completo del dispositivo che rinfresca l’aria, è bene concentrarsi sulla pulizia dei filtri che consentono di avere aria salubre bloccando le sostanze nocive. La pulizia del filtro prevede però delle modifiche in base al tipo di filtro che è stato installato. Bando quindi alle ciance ed entriamo a capofitto nella questione, analizzando che cosa fare nei diversi casi.

Filtro antipolvere: come si pulisce

Quando gli split sono dotati di un filtro antipolvere, la pulizia del climatizzatore Daikin Roma è piuttosto semplice e non richiede particolari lavori. Si tratta di un filtro facile da smontare che può essere pulito con un semplice aspirapolvere o un pennello che permetta di eliminare i residui di polvere che si sono depositati nel corso del tempo.

Filtro a carboni attivi: come si igienizza

Invece, se il climatizzatore Daikin Roma installato in casa utilizza dei filtri ai carboni attivi, allora bisogna fare qualche passaggio in più. Il filtro va smontata del tutto e pulito con della semplice acqua e sapone neutro. Non conviene mai e poi mai fare affidamento su spray ad aria compressa o altre soluzioni che potrebbero rovinare la parte. Una volta completata la pulizia. Il filtro va fatto asciugare prima che venga rimontato. L’asciugatura deve essere più naturale possibile, lontano da fonti dirette di calore, raggi solari compresi.

Prima di rimettere a posto uno o l’altro tipo di filtro nel climatizzatore Daikin Roma, sarebbe opportuno passare un prodotto germicida che impedisca la pericolosa proliferazione batterica.  In ogni caso, lo smontaggio e rimontaggio va fatto seguendo le indicazioni sul manuale di istruzioni.

Tuttavia, se il filtro del condizionatore d’aria fosse in cattive condizioni, non è possibile pulirlo e poi rimontarlo. Va, invece, smontato del tutto e sostituito con uno nuovo. La sostituzione del filtro permette di garantire di nuovo dell’aria purificata e salutare nel perimetro domestico, scongiurando il rischio che il filtro diventi terreno fertile per la proliferazione batterica.

Di Editore